L'importanza di bere un’acqua pura

« L’acqua è la vita ». Anche se sembra ovvio, è importante ricordarlo di tanto in tanto. Non ci sarebbe vita su terra se non ci fosse stata acqua. E nessuna forma di vita potrebbe sopravvivere in sua assenza.

Dopo un'immersione di 9 mesi (l'embrione è composto d'acqua al 95% durante i primi giorni di esistenza), il nostro corpo si evolve ma resta molto dipendente da questo elemento essenziale. In età adulta, un uomo è composto al 60% di acqua e una donna al 55% (che ha più tessuto adiposo - Non siamo noi a dirlo, ma gli scienziati!). Alcuni vegetali sono composti per più del 90%.

Se pesi 80kg, sei constituito da quasi 50 chili d’acqua…

Se possiamo evitare di mangiare durante più settimane, non bere (acqua) significa disidratarsi in 24 ore e morire in 3 giorni massimo.

L’acqua, elemento essenziale per il nostro corpo, è dappertutto : nel cervello, nei tessuti, al cuore delle nostre cellule... Ciò significa che è importantissimo prestare attenzione alla sua qualità.

Eliminando in media 2 litri d’acqua al giorno attraverso la sudorazione, la respirazione e l’urina, abbiamo bisogno di ricostituire i nostri depositi assimilando quotidianamente da 2 a 2,5 litri (acqua ingerita e assorbita).  E’ quindi consigliabile bere da 1 litro a 1,5 litri d’acqua al giorno.

Quale acqua consumare ?

Oggi, l’acqua consumata proviene essenzialmente da due fonti:
l’acqua in bottiglia e quella del rubinetto

L'acqua in bottiglia

Acqua pura con il filtro Berkey®, meglio dell'acqua in bottigliaNe esistono due tipi: le acque minerali e le acque di sorgente. Entrambe sono di provenienza sotterranea. Molti pensano, a torto, che esse rappresentino la panacea. Ma sapete che oltre il 90 per cento delle marche più consumate contiene, ad esempio, micro-plastiche, il cui rischio per la salute, anche se ancora discusso, sembra abbastanza probabile?

Alcune contengono sostanze indesiderabili (per non dire altro) come arsenico o bario. Altri livelli di fluoro talmente elevati che sarebbero semplicemente vietati sulla rete pubblica perché non rispettano il carattere di potabilità che regola il consumo di acqua in Europa.

Sapevi che una bottiglia d'acqua deve essere consumata entro 48 ore dalla sua apertura per evitare lo sviluppo di alcuni batteri?
E che mi dici sull'impronta di carbonio?

Che dire poi del suo trasporto su camion per raggiungere il luogo di vendita, generando un inquinamento sostanziale e partecipando così all'aumento dei gas a effetto serra. A cui si aggiunge l'inquinamento generato dal viaggio in auto per andare a rifornirsi e poi portare le bottiglie vuote in un luogo di raccolta differenziata. L'acqua in bottiglia ha un bilancio del carbonio 65 volte superiore all'acqua di rubinetto, a causa del suo trasporto e degli imballaggi che genera. Per non parlare delle milioni di tonnellate di plastica che è necessario riciclare e che finiscono in parte nella natura e di conseguenza nel nostro corpo...

Per non parlare delle milioni di tonnellate di plastica che è necessario riciclare e che finiscono in parte nella natura e di conseguenza nel nostro corpo...

Infine, poco pratiche da immagazzinare, rappresentano ugualmente un costo importante nel quadro della consumazione quotidiana di una famiglia. E’, oltretutto, la modalità di consumo più cara che esista.

L'acqua del rubinetto

Acqua del rubinetto filtrata con un purificatore Berkey®La grande maggioranza di quest’acqua, è di origine sotterranea. Quest’acqua, come quella delle acque in bottiglia, è di origine sotterranea. Si tratta di un’acqua estremamente controllata e, a parte qualche raro caso, potabile – il tutto almeno secondo la definizione amministrativa che la definisce.

La sua consumazione evita l’inquinamento dovuto al suo trasporto o al riciclo del suo contenitore (eh già, non ce n’è !) e costa molto meno cara che l’acqua in bottiglia.

Ma potabile non vuole dire esente da sostanze nocive per un uso quotidiano. Sempre più persone in Europa hanno accesso all'acqua inquinata da pesticidi e nitrati, derivati dall’attività agricola convenzionale. Ma allo stesso modo inquinata da contaminazioni batteriche, dall’arsenico o dal piombo, in parte a causa del suo percorso attraverso canalizzazioni contenenti composti tossici.

Per concludere...

Anche se mettessimo da parte il rischio di inquinamento dovuto a elementi indesiderati, dato che sono presenti anche sia nell’acqua in bottiglia che in quella del rubinetto, sembrerebbe obiettivo dire che consumare acqua del rubinetto presenta vantaggi evidenti.

Nessun bisogno di immagazzinarla, né di andare a comprarla al supermercato, è costantemente accessibile (tranne se dimentichi di pagare la fattura dell’acqua !) ed è disponibile al costo meno caro (e di molto) relativamente a quello delle bottiglie.  E’ meno cara, certo, ma necessita di una filtrazione supplementare per eliminare le sostanze chimiche e gli inquinanti residui.

Ma se l’acqua alla quale ho accesso è potenzialmente inquinata, cosa devo fare ?

Usare il filtro con purificatore d’acqua Berkey®, è chiaro !

I numerosi modelli di filtri ad acqua Berkey® ti garantiscono acqua sana al 99.999% e sanno rapidamente trovare lo spazio indispensabile nel tuo quotidiano. Che tu sia sedentario, o sempre in movimento, una soluzione di filtrazione è disponibile per ciascuno !